Fondazione Ansaldo

Italian

Industria e guerra

Se nella Grande Guerra già compaiono molte innovazioni tecnologiche, a livello di prototipo, è solo nel secondo conflitto mondiale che esse conquistano enorme importanza. Si sa: l’Italia entra in guerra, impreparata; affrettata è la maniera con cui l’industria italiana si indirizza verso la produzione bellica. Assieme alla riflessione sulle carenze di direzione politica ed organizzativa, sul piano economico ne servono altre che riguardano: la capacità dell’apparato produttivo di sostenere uno sforzo massiccio e prolungato; le pretese egemoniche tedesche; l’importanza primaria del lavoro femminile. Da tutto ciò, ecco la difesa delle macchine utensili, la deportazione operaia in Germania, la resistenza antifascista in fabbrica.
Avvalendosi di fotografie e filmati d’epoca, ne parlano:

Federico Romeo Presidente del Municipio V Valpolcevera
Donatella Alfonso Giornalista, Autrice del libro “Ci chiamavano libertà”
Domenico Braccialarghe Direttore della Fondazione Ansaldo
Modera Giancarlo Muià Comitato Scientifico Casa Resistenza

giovedì 9 maggio 2019, ore 17 nella Casa della Resistenza Valpolcevera
(Via Pastorino 8, Ge-Bolzaneto)

Vedi il volantino

 

Fondazione Ansaldo usa cookies per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.